La Storia del 24 - Hour Watches

Gli esseri umani sono creature curiose per natura. Fin dall'alba della nostra esistenza, abbiamo messo in discussione ogni aspetto del nostro posto all'interno dell'universo. Dove va il sole di notte e quando si rimonterà? Perché la luna svanita e scomparire solo per riapparire? Perché le maree si alzano e poi si recede?

È una piccola sorpresa che vorremmo misurare l'ebb e il flusso della natura per comprendere meglio il nostro mondo. Cercare di capire quando le piogge sarebbero cadenti, quando le mandrie sarebbero migrate, quanto tempo prima della giornata si spezzerebbe - non solo soddisfatto la nostra curiosità - ma era critico per garantire la nostra sopravvivenza.

Forse il primo grande mistero rivolto agli umani precoci era capire il ciclo del nostro sole, e dividere la nostra giornata in segmenti che potevano essere contati, facilmente compresi e anticipati. La maggior parte di noi non dà molto pensato al perché il nostro giorno è partizionato in 24 ore, assumendo che questo sia solo il modo in cui le cose sono, come il sole che cresce sempre a est. Ma la nostra giornata non è sempre stata tagliata in questi 24 minuti familiari in tutta la storia. Allora dove ha originato l'idea?

Il nostro mondo ha visto una varietà di formati di timekeeping in tutta la storia registrata, spaziando a numerose culture e periodi di tempo. Nell'antica Cina, durante la Dinastia Han, il daytime era suddiviso in 15 ore chiamate shí. Ognuno di questi periodi è stato nominato per un'attività o un evento che corrisponderebbe con esso, come "alba" (chénmíng), "daybreak" (danming), "pasto precoce" (zaoshi), "mezzogiorno" (zhèngzhōng), "short shadow" (shaohuan), "serata" (būshí), "ombra lunga" (dahuan), "tramonto" (xiandong) e "riposo" (dinghun). Le ore serali sono state segnate in periodi chiamati gēngs, che significa "orologio", che prende il nome dagli orologi che starebbero di guardia su una cittadina e segnano ogni ora di passaggio con un gong.

Una volta che il giorno e la notte erano stati efficacemente divisi, il passo successivo logico sarebbe l'invenzione dei dispositivi per tenere traccia e il tempo delle sue passioni. Il più antico timekeeper nella maggior parte delle società è il solare, che può tracciare il passare del tempo durante le ore chiare del giorno. Per tenere traccia delle ore successive al tramonto, sono stati creati vari dispositivi di timekeeping per misurare le ore. L'orologio dell'acqua, la clessidra, la candela e l'orologio incenso sono stati tutti utilizzati in vari luoghi, per poter contare le ore fino all'alba. Poiché la durata della luce del giorno varia per tutto l'anno, così anche la lunghezza delle ore che hanno misurato il giorno e l'ora notturna. Durante i mesi estivi, le ore del giorno crescerebbero molto più a lungo mentre le ore di notte si accorciano. Questo processo si invertirebbe naturalmente durante i mesi invernali. I dispositivi utilizzati per misurare il passaggio del tempo avrebbero bisogno di essere calibrati durante tutto l'anno per riflettere questi cambiamenti.

L'idea di utilizzare 24 ore per misurare una giornata può essere attribuita agli antichi egizi. Era millenaria fa lungo le rive del Nilo, che gli astronomi pionieri dividerebbero la luce del giorno in dieci partizioni misurate dai solari. Queste dieci ore diurne riceverebbero due ore aggiuntive per il ventre del mattino e della sera, portando un totale di 12 ore di luce. Viceversa, il tempo notturno sarebbe diviso anche in 12 ore, portando il totale a 24 ore per una giornata intera. Dal momento che le ore non potevano essere misurate da un girone di notte, gli antichi egizi hanno ideato un modo per segnare il tempo di passaggio fino all'alba osservando la rotazione sovrastante delle stelle. I gruppi star chiamati "decans" sono stati osservati e il loro innalzamento e ambientazione sopra l'orizzonte potrebbe determinare la durata del tempo fino all'alba.

Anche se gli egiziani sono principalmente responsabili dei nostri 24 ore, abbiamo gli antichi Babilonesi da ringraziare per il nostro 60 - second minuto. Ciò è dovuto al fatto che i Babilonesi utilizzavano un sistema di numerazione che utilizzava il 60 come base, invece di 100 come noi conosciamo. Questo sistema base - 60 spiega anche perché abbiamo ancora 360 gradi in cerchio.

Nonostante il fatto che la giornata di 24 ore diventasse la norma nel corso dei secoli, non significa che non ci siano stati tentativi di riforma e di miglioramento sul format. Durante la Rivoluzione francese, molti riformisti si sono immortalati con l'idea di reinventare e ristrutturare la società dai livelli più alti, fino ai fondamenti fondamentali della vita quotidiana. Una volta al potere, i rivoluzionari alterarono il calendario cambiando i nomi dei mesi e dei giorni per porgerli di qualsiasi significato religioso o reale. Inoltre, la settimana è stata ampliata a dieci giorni in ordine all'anno da fissare su un sistema metrico più logico, base - 100. Questa riforma aggressiva - mirata direttamente a spazzare via le ultime vestigia del vecchio regime - si è ampliata anche per includere la giornata di 24 ore.

A seguito di queste misure di riforma, il nuovo governo di Parigi ha introdotto il tempo decimale, ovvero un sistema basato su un giorno di dieci ore diviso in 100 minutes all'ora e 1000 seconds al minuto. Anche se questo nuovo metodo sarebbe stato abbandonato nel 1805, ci sono alcuni orologi che rimangono ancora dal breve periodo in cui il tempo decimale era il sistema di timekeeping ufficiale della Francia.

Un orologio francese con un decimale e un quadrante di 24 ore. Circa 1800, realizzato da Pierre Daniel Destigny.


Sempre interessato a misurare il tempo in modo nuovo, il conglomerato svizzero, Swatch, ha recentemente resuscitato le cifre decimali, introducendo quello che viene definito ". beat time" nel 1998. Il sistema comporta la suddivisione di un giorno in quello che si chiamano .beats, che sono pari al minuto rivoluzionario francese, oppure 86,4 secondi in tempo standard. Sempre come il sistema rivoluzionario francese, ci sono 1000 .battiti al giorno. Uno dei vantaggi di .beat time è che non utilizza zone temporali, rendendo le comunicazioni internazionali molto più efficienti.

Un orologio digitale Swatch che visualizza sia il tempo standard in alto e battente il tempo sottostante.

Anche se la giornata di 24 ore alla fine è diventata standard - premiando le minacce dei rivoluzionari francesi e dei temporali svizzeri - il dibattito su come visualizzare e fare riferimento a quelle 24 ore è stato tutt' altro che sistemato. Quando negli anni ' 1300s gli orologi meccanici cominciarono a comparire in tutta Europa, in alcune regioni era preferibile che il dial riflettesse le due metà del giorno. Per realizzare questo, alcuni orologi hanno caratterizzato i diali con due scale di 12 ore in sequenza, e una mano di un'ora che effettua una rotazione al giorno. Questo tipo di display è chiamato sistema "doppio XII" per il suo utilizzo di due diversi marcatori "XII" che iniziano ogni scala di 12 ore.

Il famoso Exeter Cathedral Clock nel Devon, in Inghilterra, featuring un doppio quaderno XII.

Nel corso del tempo, la ridondanza di due tracce identiche di 12 ore in successione diventerebbe apparente, e il dial si è evoluto in un display featuring solo una scala di 12 ore con una mano d'ora che ha fatto due giri intorno al dial al giorno. Per differenziare le diverse ore in discorso, sarebbero impiegati i termini latino ante meridiem (a.m.) e post meridiem (p.m.). Significato "prima di mezzogiorno" e "dopo midday", rispettivamente, il sistema a.m./p.m. diventerebbe il sistema preferito principalmente nel mondo parlante inglese.

Poiché il sistema a.m./p.m. ha guadagnato popolarità in alcune parti del mondo, sono emersi alcuni difetti riguardanti il suo utilizzo. Dal 12.00 serve sia come inizio che come punto finale sia per mezzogiorno che per la mezzanotte, la confusione tra i due è diventata comune. In vari luoghi e in momenti diversi per tutta la storia, le 12:00 e le 00:00 sono stati utilizzati entrambi per riferirsi alla mezzanotte. Nel discorso colloquiale, i differenziatori come, "12 mezzanotte" o "12 mezzogiorno" avrebbero bisogno di essere aggiunti. Mentre si tratta di una soluzione accettabile per la comunicazione orale, la confusione rimane ancora nei casi che trattano informazioni stampate, In queste istanze, le 23:59 o le 00:01 verranno spesso utilizzate negli orari o negli orari per eliminare la potenziale confusione.

In tutto il resto del mondo, il sistema noto come 24 ore, è diventato il metodo di timekeeping preferito. Conosciuto come "tempo militare" nel mondo anglofono, il tempo di 24 ore elimina tutta la confusione eliminando la distinzione di 12 ore a.m./p.m. e numerando semplicemente tutte le ore dal 0 al 24. La mezzanotte, ad esempio, è indicata come 0 0: 00, 06:00 è scritto 06.00, mezzogiorno è 12.00, ma invece di tornare alle 1.00 per le 13:00, il tempo di 24 ore continua fino alle 13.00. 18:00 sono le 18.00 e il giorno termina a mezzanotte o 24:00 che è la stessa delle 00.00.

I vantaggi inerenti a questo sistema - compresa la sua capacità di ridurre la confusione - lo rendono la scelta perfetta per una serie di professioni, anche all'interno del mondo anglosassone. I piloti, il personale militare e i viaggiatori frequenti che spesso attraverseranno i timezone e hanno bisogno di tenere traccia del loro tempo di casa, ne trarrebbero giovamento di 24 ore. Inoltre scienziato e quelli della professione medica che devono evitare ambiguità, fanno frequentemente uso di orologi e orologi di 24 ore.

Mentre gran parte del mondo ha adottato il sistema temporale di 24 ore, la vasta maggioranza dei display analogici utilizza ancora il comizio di 12 ore. Alcuni timepezzi, però, includono un secondo capitolo di numeri da 13 a 24, di solito sotto i 1 a 12. Gli orologi con questo tipo di display sono frequenti chiamati "diali militari" e sono prodotti da numerosi produttori. Ma un vero e proprio comico analogico di 24 ore, è qualcosa di unico nel mondo di oggi di guardare design. Forse è il fatto che sono così rari, e presentano l'indossatore con un modo completamente diverso per visualizzare il tempo, che orologi da 24 ore sono diventati un'aggiunta notturne per molti collezionisti.

Ci sono alcuni esempi ben noti di diali di 24 ore in varie parti del mondo. Uno dei più famosi è il Shepherd Gate Clock, che si può trovare appeso al muro fuori dall'Osservatorio Royal Greenwich. Questo orologio è molto probabilmente il primo timepiece a visualizzare sempre il Greenwich Mean Time al pubblico. Durante la seconda guerra mondiale il comico è stato danneggiato durante un bombardamento tedesco, ma lo storico orologio è sopravvissuto e il dial è stato sostituito con un duplicato esatto.

The Shepherd Gate Clock a Greenwich.

Uno dei motivi per cui i diali di 24 ore sono così raramente incontrati su un orologio da polso ha a che fare con la meccanica e l'economia. Dal momento che la stragrande maggioranza dei timepezzi utilizza diali di 12 ore, quasi ogni produttore horologico produce solo movimenti adatti a questo tipico orologio. Convertire un movimento di orologi da eseguire su un quadrante di 24 ore include passaggi aggiuntivi e richiede strumentazione specializzata che aggiunga sia tempo che costi al processo di produzione ordinario. Per capire meglio come si trasforma un movimento per la mano d'ora a ruotare intorno al dial una volta al giorno invece di due volte, sarebbe utile dare un'occhiata più da vicino al meccanismo stesso.

Qui il lato comico di una Unitas 6325 può essere visto per illustrare alcuni componenti coinvolti con lo spostamento delle mani. Al centro sono presenti le parti note come pinione di cannon, ora ruota e ruota del minuto. Tutti e tre questi devono lavorare insieme per controllare come le mani si muovono intorno al comico.

Riconfigurare un movimento per funzionare come un timepiece di 24 ore richiede una costosa ricarica dei macchinari che fabbricano queste parti. Tagliando una diversa quantità di denti e in dimensioni diverse, i rapporti di cambio sono alterati, permettendo alla mano d'ora di ruotare solo una volta intorno al dial in un giorno, mentre la mano del minuto rimane la stessa ad una rotazione all'ora.

È improbabile che la persona media incontrerà molti orologi di 24 ore nella loro giornata di giorno. Ma per lo spirito avventuroso, pochi orologi possono rivendicare di essere unici come le persone che lo indossano. Questa è solo una delle tante cose che fa di Akerfalk il timone perfetto per chi visualizza il tempo - e la vita - solo un po' diverso.

Foto Credits

Decimale Clock - DeFacto CC BY-SA 4,0
Swatch digitale con tempo .beat - Dominio pubblico
Cattedrale di Exeter Clock - DeFacto CC BY - SA 4,0
Shepherd Gate Clock - Alvesgaspar CC BY - SA 3,0
Movimento unitario - Eric Gregoire
Akerfalk Watch - Akerfalk AB

Speciale grazie a Eric Gregoire